Studio Leonardo

– Netizen & Netbuilders since 1996

Fatture alla PA, archiviazione e un tagliando auto scontato !

Qualche giorno fa sono andato in officina per fare il tagliando periodico alla mia auto.
Non riesco a scendere dalla macchina che Mario, il capo officina, mi vede da lontano e inizia a sbracciarsi in segno minaccioso.
Posso assicurarvi che quando un omone di quella stazza vi indica come bersaglio sarebbe bene essere altrove, in qualsiasi altro altrove.

Vengo al dunque. Mario mi raggiunge e inizia uno sproloquio contro l’informatica, internet, la pubblica amministrazione e tutti i personaggi Disney che gli sono venuti in mente. A dire il vero non ho capito subito cosa mi rendesse parafulmine di cotanta escandescenza ma la risposta è venuta presto.

Tutti sappiamo che dal 31 marzo 2015 è scattato l’obbligo di fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione.
Tale decreto prevede l’obbligo di emissione, trasmissione, ricezione e pagamento solamente di fatture elettroniche e ciò comporta che l’intero ciclo di fatturazione avvenga in modalità elettronica. Le amministrazioni pubbliche, destinatarie della fattura, non possono accettare dai loro fornitori fatture emesse o trasmesse in forma cartacea e non possono procedere al pagamento sino all’emissione del documento in forma elettronica. I fornitori, oltre a gestire il loro ciclo di fatturazione in forma esclusivamente elettronica, devono successivamente effettuare la conservazione digitale nel rispetto delle regole previste dal Codice dell’amministrazione digitale, dal decreto del ministero dell’economia e delle finanze, e dal DPCM 3 dicembre 2013.

Mario mi ha spiegato che fare tagliandi alle auto della pubblica amministrazione è diventato un vero problema e un costo più che un guadagno. Per lui, e per tutti gli artigiani che emettono pochissime fatture in un anno è saltata fuori questa nuova gabella che non sa davvero come gestire.

Tranquillo Mario. Ci penso io.
Anzi ci pensa la Camera di Commercio. Ma comunque sono salvo.

Le suddette Camere di Commercio hanno messo a disposizione delle PMI italiane un servizio gratuito che consente in un’unica soluzione online la compilazione, la trasmissione attraverso il Sistema di Interscambio e la completa gestione di 24 fatture nell’arco dell’anno.

Lo strumento non richiede l’installazione di software ed include la conservazione a norma dei documenti contabili e delle relative notifiche per le annualità richieste dalla normativa vigente.

Chi può usufruire del servizio ?
Il servizio è disponibile per le PMI iscritte alle Camere di Commercio.
L’impresa, in fase di adesione al servizio, dichiara esplicitamente, accettando le Condizioni Generali di utilizzo, di possedere tutti i requisiti soggettivi previsti dalla “Raccomandazione della Commissione europea 2003/361/CE del 6 maggio 2003”, ovvero:
• numero di dipendenti NON superiore a 250;
• fatturato dell’ultimo bilancio chiuso NON superiore a 50 milioni di euro oppure totale di bilancio (attivo patrimoniale) NON superiore a 43 milioni di euro.

Per ulteriori informazioni: https://fattura-pa.infocamere.it/fpmi/service

Che dire, un applauso alle Camere di Commercio e a Mario che dopo aver saputo questa notizia mi ha fatto lo sconto !

Share by


Hai un progetto? Parliamone...